Clear Sky, -1°C

Via S. Gaetano da Thiene, 13, 10154 Torino TO, Italia

E quindi perché dovremmo consultare gli oroscopi? Per sapere quando e come moriremo o se vinceremo al SuperEnalotto – fermo restando che dopo un periodo più o meno lungo comunque saremo "6 feet under"?

Un importante seguace di Jung in terra italica mandato al confino pare portò con sé solo due libri e nessuno dei due di Carl Gustav anche se a onor del vero uno dei due ne aveva la prefazione. Nella traduzione di un profondo sinologo, Il libro dei mutamenti viene spacciato per un oracolo, mentre è un libro per scrutare le logiche delle trasformazioni. Nel farlo si comprende "il senso del tempo" come ricordano alcuni esagrammi di questo.

A leggere I Ching (sempre solo in quella tradizionale edizione) non si fa mai male, ma non va bene se lo si consulta per conoscere il futuro. Quello che ci dirà, se saremo senza timori e senza desideri, non potrà mai farci assumere una posizione scorretta.

A cercare di capire I Ching ci ho provato per quasi 40 anni ed è solo da quando ci ho rinunciato che qualcosa ha incominciato ad entrarci un pochetto.

I Ching non ti dice dove andare, ma descrive delle posizioni che si possono assumere nel senso del tempo, proprio come fossero delle figure di Tai Chi.

Non ti dice come andrà a finire perché i mutamenti non si concludono: si trasformano. Inoltre, tu non sei il soggetto protagonista di questi cambiamenti ma una possibile variabile dello scenario complessivo che rispetto al suo insieme può assumere una posizione armonica o disarmonica, di attrito, a seconda di come hai saputo fare vibrare il tuo testo a quella sollecitazione, a quel diapason, come dicevo qualche nota fa.

I Ching è mio amico perché mi insegna e mi umilia quando le cose sembrano semplici o mi lusinga quando mi sento incapace e correggono la mia postura psicologica. E questo è certamente molto più importante e utile che prevedere il futuro.

A volte il futuro a cui scruti pensi che sia vicino mentre sarai scomparso a lui da un bel po’; altre credi che sia una fine ineluttabile, mentre sarà stato un inciampo occasionale a cui non avresti neppure fatto caso. Ma non è forse sempre da un’inezia che si originano le rivoluzioni, le guerre, le scoperte, le conquiste e gli amori?

Powered by Journey Diary.